.
Annunci online

Il buono che avanza
post pubblicato in Nazional popolare, il 13 novembre 2010

Oggi stavo mangiando una bella mozzarella. Mi è venuta in mente la mozzarella blu tedesca, quella fatta in Italia col latte di bufale brasiliane, quelle DOP di bufala ma di agro campano inquinato. Che scoramento. Quanti anni ci vorranno perché le cose tornino decenti nel nostro Paese? Come abbiamo fatto a rovinare un patrimonio culturale, agricolo, ambientale come il nostro? Basteranno due generazioni? Basterebbero, a condizioni di mettersi tutti d’accordo, a tutti ilivelli. Ci vorrebbe una politica del Buono: una che miri semplicemente a ripristinare o preservare quel di buono c’è o c’era in Italia. Basta con queste politiche del Nuovo. A che serve costruire, se le fondamenta sono pericolanti? Che ce ne importa del ponte sullo stretto, se non siamo nemmeno riusciti a coprire gli scavi di Pompei con una tettoia o a toglierele piante di capperi dalle mura del Colosseo? A cosa serve edificare alberghi sulla costa quando il nostro mare è inquinato da navi radioattive? Perché chiedere denaro all’UE per pubblicizzare i prodotti regionali quando i nostri fiumi avvelenano i campi? Cosa significa la promessa di creare posti di lavoro quando abbiamo affossato il turismo e la cultura, che sono i settori più produttivi? Siamo davvero così stupidi da non capire che salvare le nostre ricchezze sarebbe non solo giusto, ma anche utile? Se non per spirito civico, almeno facciamolo per torna conto.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sfacelo cultura ambiente italia

permalink | inviato da wondercozza il 13/11/2010 alle 14:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
One of us
post pubblicato in Nazional popolare, il 22 agosto 2008

Alcuni di voi già sanno quale alta opinione io abbia dello sport come fenomeno di massa.
Le Olimpiadi poi mi irritano ancora di più, con la loro gregarietà pecoreccia, questo identificarsi con una persona sconosciuta fino al giorno prima, il sentirsene rappresentati solo perché nati nello stesso Paese. Odio questa solidarietà selettiva, tutto questo incoraggiare uno che non ti è amico né parente, un atleta che non ti conosce e non sai dove abita, solo perché assomiglia all'archetipo dell'eroe bardato di réclame, mentre il barbone sotto casa che vedi tutti i giorni e col quale hai sicuramente più punti in comune di quelli che hai con un centometrista, il povero perdente come te che ti rivolge la parola ogni volta che gli passi accanto, non merita nemmeno uno sguardo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. olimpiadi barbone ipocrisia

permalink | inviato da wondercozza il 22/8/2008 alle 12:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
Un programma applicabile
post pubblicato in Nazional popolare, il 13 maggio 2008
Fuori dal G8 e dentro all'Eurovisione.


SUBITO!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. g8 mo' ci cacciano

permalink | inviato da wondercozza il 13/5/2008 alle 12:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Post politico-nazional-popolare 4
post pubblicato in Nazional popolare, il 15 aprile 2008
Siete contenti? Potete ricominciare a non rilasciare lo scontrino.


Ahi serva Italia, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di province, ma bordello!



(VI, 76-78) - Divina Commedia -
Post politico-nazional-popolare 3
post pubblicato in Nazional popolare, il 1 aprile 2008

Basta, rassegnamoci. Non siamo capaci. Sono quarant’anni che l’Italia arranca, cercando di diventare un Paese civile. In questo Stato del pressapochismo e del favoritismo, dove chi è ai primi posti non lo è certo per merito e si ritrova come se non bastasse a gestire un gruppo di incompetenti che hanno seguito lo stesso itinerario fatto di raccomandazioni, in questa nazione di furbetti e mafiosi, di laureati sprecati, dove chi lavora duro (e a volte onestamente) non arriva alla fine del mese, dove politici e personalità pubbliche ostentano i loro privilegi, non c’è speranza. Arrendiamoci e cediamo tutto. Diamo in appalto l’Italia. Ormai i giovani si sentono più Europei che Italiani, basta col vecchiume, largo all’innovazione, all’italica creatività. Concediamo una regione italiana ad ogni Paese membro dell‘UE. Pensate quanto sarebbe gestita bene la Campania della Germania (già ci mandiamo la mondezza, almeno avrebbero una controparte). Il Lazio lo diamo alla Francia, la Puglia alla Grecia, che tanto stessa faccia stessa razza. Diventiamo la casa al mare degli europei, il loro mega centro commerciale, limitiamoci a suonare il mandolino e a cucinare la pasta (ché la mozzarella non ci viene tanto bene ultimamente). Si porrebbe rimedio anche alla situazione dell’Alitalia: due piloti di qua, tre aerei di là, sindacato europeo, il tutto gestito dalla Commissione. Gli aerei sgarrupati li mandiamo in Africa e partecipiamo anche all’Unione mediterranea di Sarkozy. Il problema è: chi controllerà l’appalto? Con l’aria che tira, va a finire che la Polonia  - lo stato meno laico di tutti - si aggiudica tutte le regioni, tanto per far contento il Papa.




permalink | inviato da wondercozza il 1/4/2008 alle 16:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
Post politico-nazional-popolare 2
post pubblicato in Nazional popolare, il 24 marzo 2008
Il potere imborghesisce. All'inizio. Poi rincoglionisce.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. potere borghese politique de comptoir

permalink | inviato da wondercozza il 24/3/2008 alle 16:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Post politico-nazional-popolare
post pubblicato in Nazional popolare, il 14 marzo 2008

Le considerazioni di Topo Gigio sono tutt'ora di grande attualità:

Tutto sale sale tutto sale son salite anche le nespole (nespole)
tutto è scuro tutto è scuro scuro si cammina con le fiaccole (fiaccole)
tutto gira gira tutto girano le ciribiricoccole (coccole)
lascia andare non drammatizzare ma strapazzami di coccole (coccole)

Tutto manca manca tutto manca non si trovano le sogliole (sogliole)
tira e molla, molla e tira, molla sta mollando pure il dollaro (dollaro)
tira e molla, molla e tira, molla è una cosa che non tollero (tollero)
lascia andare non drammatizzare ma strapazzami di coccole (coccole)


Da Topo Gigio a Veltroni (secondo Grillo) il passo è breve (benché Topo Gigio fosse molto più rivoluzionario).
Mi chiedevo quale significato veicoli la denominazione "Partito Democratico".
La risposta è: nessuno.
Partito, è un partito. Democratico cosa aggiunge? Mica siamo in dittatura o in monarchia. Sai che novità: teoricamente siamo già in democrazia. Quindi "democratico" non aggiunge nulla a "partito". Trattasi di partito lapalissiano, di non-partito. Facciamo un prova:


- Come si chiama il tuo gatto ?
- "Gatto".

Visto? Non funziona.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. partito democratico nespole

permalink | inviato da wondercozza il 14/3/2008 alle 15:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto       
calendario
cerca